Comune di Signa

Accesso ai documenti amministrativi ed Accesso Civico

Accesso civico

“Allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico, chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni" (art. 5 Dlgs 33/2013).

Il diritto di accesso del cittadino alla documentazione in possesso della P.A. è stato ridisegnato con vari interventi normativi.
 
L'accesso civico è stato introdotto dall' art. 5 del D. Lgs. 33/2013 ("Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicita', trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni") e successivamente riformato dal D. Lgs 97/2016 con cui è stato adottato il FOIA "Freedom of Information Act" (legge sulla libertà d’informazione), che ridefinisce la trasparenza come strumento di tutela dei diritti dei cittadini e di promozione della partecipazione all’attività amministrativa.
 
E' intervenuta la circolare n. 1/2019, del Ministero della Pubblica Amministrazione, con la finalità di promuovere il "FOIA" in maniera più rigorosa ed uniforme.
 
È opportuno precisare che la nuova normativa non ha modificato o abrogato la L. 241/90 sull’esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi che riguarda, più nello specifico, posizioni soggettive (persona fisica o giuridica).
 
Quindi, riassumendo, ad oggi, si possono distinguere tre forme di accesso, che il Comune di Signa ha disciplinato con l'adozione del "Regolamento in materia di accesso documentale, accesso civico semplice/generalizzato", approvato con Deliberazione Consiglio Comunale n. 61 del 20/12/2017:
 
  1. Accesso agli atti amministrativi o accesso documentale

L'accesso documentale (L. 241/1990) prevede che esista un interesse “diretto, concreto e attuale” verso l'atto o il documento in possesso dell'amministrazione comunale per la tutela di singole situazioni giuridicamente rilevanti e si esercita previa richiesta motivata attraverso la visione e l’estrazione di copia di documenti amministrativi.

 Leggi di più: Accesso documentale

 

     2. Accesso civico c.d. "semplice"

 L'accesso civico "semplice" (art. 5, c. 1, D. Lgs. n. 33/2013) consente a chiunque di richiedere documenti, informazioni o dati su tutta l’attività istituzionale che le pubbliche amministrazioni hanno omesso di pubblicare, pur avendone l’obbligo e che sul sito del Comune di Signa sono contenuti nella sezione “Amministrazione Trasparente”.

 
 
 
     3. Accesso civico generalizzato "FOIA"
 
L'accesso civico generalizzato "FOIA" (art. 5, c. 2, D. Lgs. n. 33/2013) consente a chiunque di accedere ai dati, che non necessitano di ulteriore attività di rielaborazione, ai documenti e alle informazioni detenute dalle pubbliche amministrazioni, anche ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria, nel rispetto dei limiti relativi la tutela di interessi giuridicamente rilevanti.
Scopo dell’accesso civico generalizzato è favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull'utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito politico.
 
 
 
Costi
 
L’esercizio del diritto d’accesso mediante visione dei documenti è gratuito, salvo il rimborso degli eventuali costi di ricerca e visura. Il rilascio di copia dei documenti è subordinato, oltre al rimborso dei suddetti costi anche al rimborso dei costi di riproduzione, al pagamento dell’imposta di bollo, ove previsto dalla legge, nonché dei costi dell’invio a mezzo posta, quando richiesto (Delibera Giunta Comunale n. 129 del 22/08/2005 "Approvazione tariffe per il rilascio al pubblico di copie di documento detenuti dagli Uffici e modalità di versamento").
 
 
Registro degli accessi
 
In allegato è consultabile il registro degli accessi con le richieste presentate al Comune di Signa.