Comune di Signa

Le Stanze della Vita? di Carlo Capecchi Una personale dopo 8 anni... nelle sale di Viale Mazzini del comune di Signa

Mostra introspettiva più che retrospettiva quella che si apre il 22 Giugno presso l'Ex Caserma dei Carabinieri a Signa.

Dopo un ?silenzio? che perdura dal 2009 Capecchi da vita a questa personale
dove viene ripercorsa la sua storia pittorica e viene presentata la
produzione del nuovo periodo dell'artista poggese.

Carlo Capecchi, pistoiese di nascita, dal 1975 vive e lavora a Poggio a
Caiano, il suo amore per la pittura viene da lontano, fin da bambino fu
l'osservazione dell'opera dello zio frate Padre Arcangelo Capecchi, buon
pittore a fornirgli i primi stimoli a cimentarsi nella pittura.

Ha iniziato a dipingere da autodidatta nella seconda metà degli anni '70
assorbendo la lezione dei coloristi pistoiesi ma, oltre alla passione
personale per artisti quali Morandi, Morlotti e De Stael, un'altra
scintilla ha fatto si che Capecchi diventasse il pittore che è oggi.

Trasferitosi a Poggio a Caiano, terra da sempre fertile di ingegni
artistici che dette i suoi stimoli a maestri quali Ardengo Soffici e i suoi
natali a pittori come Francesco Inverni, qui conobbe il decano degli
artisti poggesi Renato Cantinelli, che lo introdusse a far parte dei
pittori della ?Nuova Saletta Ambra? che negli anni novanta annoverava tra
le sue fila quei giovani che oggi, artisti affermati, espongono in tutto il
mondo dando lustro ai propri natali come Fabio Inverni e Rudy Pulcinelli.

Questo humus e soprattutto la grande amicizia con Cantinelli dettero a
Capecchi lo stimolo a progredire e ad esporre, fruttando a Capecchi
affermazioni in importanti concorsi artistici e la presenza in diverse
collezioni pubbliche e private.

Venuto a mancare l'amico Cantinelli, si è spenta anche in Capecchi la
voglia di partecipare ed esporre la propria produzione, ma non quella di
dipingere perché per Capecchi dipingere è un'esigenza irrinunciabile, un
bisogno fisico simile a una dipendenza, ha su di lui l'effetto di una droga
che a volte lo esalta e a volte lo fa star male.

Capecchi non dipinge per professione né per hobby ma esclusivamente per
bisogno, il bisogno di esprimere la sua natura e il suo sentimento.

Questo si nota nella mostra allestita in quel di Signa con la supervisione
dell'associazione PRO ARTE LA TORRE e il patrocinio del COMUNE DI SIGNA.

Un percorso dell'ANIMA diviso in Stanze della Vita, alcune chiare e
brillanti, altre cupe e colme di inquietudine.

Nello stesso invito si avverte il visitatore di ossigenarsi di serenità e
colore nelle prime stanze della mostra per poter poi seguire un percorso
che porterà a scoprire il nuovo ciclo pittorico dominato da una poetica più
CUPA.

Per rivedere il Capecchi ?colorista? che molti apprezzano e per scoprire la
coraggiosa evoluzione di questo pittore non resta quindi che visitare la
mostra che, organizzata con la collaborazione tecnica della Gioielleria
Agnolucci di Signa si inaugura Giovedì 22 Giugno alle ore 18 nella sede
della Ex Caserma dei Carabinieri in Via Mazzini, 5 e rimarrà aperta fino al
27 Giugno con orario 16-20. Sabato e Domenica 16-22,30.

Ringraziando per l'attenzione invio cari saluti

Giampiero Fossi